consulenza legale

SerGIURID

SerGIURID – Protezione giuridica e sostegno sociale

Servizio di cura sociale per la protezione giuridica e il sostegno sociale

La finalità della Legge n. 6/2004, che introduce nell’ordinamento l’istituto dell’amministrazione di sostegno, è quella di tutelare le persone prive in tutto o in parte di autonomia, con la minore limitazione possibile della capacità d’agire. Essa seppur datata ancora resta incastrata in disagi di vario genere impedendo la sua più concreta e utile applicazione, specie a causa della reale complessità di gestione di tale istituto sia prima della sua attuazione che durante. Il discrimine rispetto all’interdizione e all’inabilitazione non è di carattere quantitativo e quindi, legato al grado di autosufficienza del beneficiario, bensì di natura funzionale e dunque modellato sulla maggiore idoneità dello strumento di soddisfare l’esigenza di tutela degli interessi della persona e di protezione giuridica a tutto tondo. Al fine di dare compiuta realizzazione agli obiettivi della legge di cui sopra, quindi, si è provveduto alla creazione di un servizio di protezione giuridica, che a nostro avviso è di particolare importanza nella sua complessa funzione di sostegno e supporto rivolta ai servizi pubblici e del privato o privato sociale coinvolti, nonché a tutti i cittadini e al sistema della Giustizia.

Obiettivi del percorso di cura

Comprendere ed esigere i propri diritti in termini di assistenza e prestazioni.

Comprendere come la compartecipazione delle tre identità in caso di mancato equilibrio generino disagio e inadeguatezza e siano fondamentali per valutare il tipo di prestazione giuridica e sostegno

Accogliere, riconoscere elaborare le condizioni di disagio per individuare i bisogni indotti e i comportamenti disfunzionali

Far emergere i bisogni reali presenti, senza che questi siano schiacciati dalla propria condizione di disagio

Fornire nuovi strumenti funzionali allo sviluppo della situazione che prevedano la messa in gioco di strategie alternative per il miglioramento della condizione di disagio

Valutare in definitiva il tipo di protezione giuridica necessario e relazionarlo

Metodologia

Il percorso di cura sociale si basa sul CSC Model ovvero: il Modello della Consulenza Sociale di Cura che propone un metodo sviluppato su approccio di tipo sociologico e socio-terapeutico e mira ad analizzare le identità dell’individuo: identità da vissuto, identità sociale, identità reale/virtuale, valutando come l’individuo è stato rappresentato, come è rappresentato, come si rappresenta. La finalità di questo lavoro con la persona e le persone che la circondano è quella di renderla consapevole di come le varie identità agiscono oggi, andando ad evidenziare ridondanze esistenziali e sintomi comportamentali espressi che ostacolano nel presente l’omeostasi identitaria e quindi la creazione di un percorso idoneo alla sua concreta cura e protezione anche giuridica, evidenziando così gli elementi certi su cui è necessario muoversi.

Fasi della consulenza di orientamento

1

Consapevolezza dell’organicità e complessità della situazione

2

Consapevolezza razionale

3

Consapevolezza emotiva

4

Consapevolezza identitaria

Durata

Il percorso ha una durata che varia da 5 a 12 incontri di 1 ora circa ciascuno da effettuarsi ogni 15 giorni, per un arco di tempo di circa sei mesi, ma può essere differenziato caso per caso a seconda del bisogno come definito all’interno del piano personalizzato di cura che si concorderà.

Modalità di accesso

Per il contatto con un nostro referente:
• chiamare il numero 333 882 2385
• inviare email a: info@serviziosocialeaurora.it

Costi

I costi variano a seconda dei territori di riferimento in cui possono essere attivi progetti di finanziamento pubblico a copertura. Nel caso non vi fossero finanziamenti il costo resta comunque agevolato (prendere contatti con la segreteria per avere informazioni).

Condividi